logo
Un luogo di incontri, scambi culturali, riflessioni profonde... e degustazioni.
Il mondo ricomincia a pensare!
+334 903 9603
info@portovecchio.live
Molo Porto Vecchio (0,69 km) 88900 Crotone
Instagram Feed
Cerca
 

Blog

Riaprire, per l’economia e per la socialità

Non è più soltanto una questione economica. Ad un anno e mezzo dall’esplosione della pandemia, riaprire locali, ristoranti, luoghi di ritrovo, è diventata anche una questione di benessere, mentale e fisico. È diventato urgente, quasi indispensabile, ritrovarsi anche solo davanti ad una birra, sia pure distanziati, con amici che non si vedono più da mesi.

Un anno e mezzo di preoccupazioni, di confusione, di paura, di dolore, hanno bisogno di essere condivisi, sdrammatizzati, hanno bisogno di una valvola di sfogo. E tutto questo, e non solo per i più giovani, spesso accade proprio nei momenti di convivialità. Bere un cocktail davanti al mare, pranzare o cenare finalmente in compagnia, riuscire a festeggiare un piccolo o grande evento hanno il sapore di un ritorno alla vita che, peraltro, coincide col ritorno della bella stagione.

A questo si aggiunge la necessità, più concreta ma altrettanto importante, di riaprire le attività che sono il fulcro della nostra economia. Attività piccole e piccolissime, che costituiscono la spina dorsale dell’economia locale, che offrono la maggior parte dei posti di lavoro, che fanno girare la moneta. Attività che le chiusure, sia pure necessarie, hanno messo in ginocchio, lasciando sul campo i ‘cadaveri’ di molte aziende che non hanno più riaperto. E dietro ogni bar, ristorante o pizzeria, ci sono posti di lavoro fissi e stagionali; persone, famiglie, che in questi mesi hanno vissuto alla giornata, senza alcuna certezza per il futuro e talvolta senza riuscire ad arrivare a fine mese.

Ecco perché ripartire è necessario, anzi indispensabile.

Certo, nessuno s’illude che il ritorno alla normalità avverrà d’un colpo. Nessuno chiede che si riapra tutto, subito, ed esattamente com’era prima del Covid. Ma uno spiraglio di normalità è diventato urgente, qualcosa che faccia intravedere la luce in fondo al tunnel, qualcosa che dimostri che vivere, sorridere, divertirsi, è ancora possibile. Ed è quello che si può fare al ristorante “Porto vecchio”.

  •  
  •  
  •  
  •